Ricerche e richieste di riproduzione per corrispondenza

La documentazione conservata dagli Archivi di Stato è, di norma e fatte salve le esclusioni stabilite dalla Legge, consultabile liberamente sia per fini di ricerca storica sia per eventuali necessità di natura amministrativa. Le ricerche devono essere svolte direttamente da parte di studiosi o interessati, che possono accedere alla sala studio negli orari di apertura previsti e possono fruire degli strumenti di ricerca archivistica messi a disposizione dall'Istituto.
In deroga a questo orientamento generale, gli archivisti potranno evadere anche per corrispondenza richieste di copie , di documenti, dei quali deve essere indicata con precisione la collocazione archivistica o, in mancanza, devono essere indicati tutti gli elementi necessari per un pronto reperimento. Le istanze prive di riferimenti archivistici sufficienti  non potranno pertanto essere prese in considerazione.
In osservanza dei principi generali di economicità ed efficiacia dell'azione amministrativa, non saranno prodotte dichiarazioni di conformità di copie di documenti conservati dall'Archivio, fatti salvi i casi – debitamente documentati – in cui la loro presentazione debba ritenersi necessaria od obbligatoria per Legge.

Modalità di trasmissione delle richieste

Le richieste per corrispondenza dovranno essere trasmesse esclusivamente via e-mail (as-ge@beniculturali.it), via posta elettronica certificata (mbac-as-ge@mailcert.beniculturali.it) o tramite l'invio di posta ordinaria cartacea (Piazza S. Maria in via Lata, 7 – 16128, Genova). Le richieste trasmesse con mezzi diversi da quelli sopra indicati non potranno essere evase.
Il tempo massimo di risposta è di 30 giorni dalla data di protocollazione della richiesta.
Per la riproduzione cartacea o digitale dei documenti è previsto il rimborso delle spese sostenute, per il quale si rimanda al prospetto delle tariffe.

Ricerche genealogiche - ricerche per il riconoscimento della cittadinanza italiana

Per le ricerche genealogiche, anche finalizzate al reperimento della documentazione da presentare a corredo dell'istanza di riconoscimento della cittadinanza italiana jure sanguinis, è stato predisposto un apposito prospetto informativo, cui si rimanda in maniera esclusiva.